Difensore d'Ufficio

Con tale espressione si intende indicare l’avvocato che assiste, in un procedimento penale, chi non abbia nominato un proprio difensore di fiducia (art. 97 c.p.p.): la nomina viene fatta dall’autorità giudiziaria che procede (il Pubblico Ministero in fase di indagini o il Giudice in sede di giudizio) sulla base di elenchi predisposti dal Consiglio dell’Ordine; l’individuazione del difensore d’ufficio è automatizzata ed informatizzata al fine di garantire la rotazione dei professionisti iscritti sulla base di turni di reperibilità.
Il difensore d’ufficio cessa dalle sue funzioni nel momento in cui viene nominato un difensore di fiducia, e l’attività svolta fino a quel momento dal difensore d’ufficio deve essere retribuita dall’assistito secondo la tariffa professionale, a meno che non ricorrano i presupposti per l’ammissione al patrocinio a spese dello Stato, e non sia stata presentata la relativa istanza.
Sportello
informazioni
e reclami

Parcella dell'Avvocato

Patrocinio a
spese dello Stato

Difensore d'Ufficio

Mediazione

Organismo della Crisi da Sovraindebitamento