Patrocinio a spese dello Stato

Ai cittadini meno abbienti è garantita l’effettività della difesa in un giudizio civile, penale o amministrativo: coloro che sono titolari di un reddito annuo inferiore ad euro 11.493,82 possono presentare istanza per essere ammessi al patrocinio a spese dello Stato, per nominare un proprio avvocato, scegliendolo da apposita lista, con il risultato di non dover sopportare alcuna spesa. L’attività professionale dell’avvocato (così come le altre spese che si dovessero rendere necessarie nel corso del processo, per es. perizie o traduzioni) sarà, infatti, retribuita all’avvocato direttamente dall’Erario.

Il servizio di informazione, consulenza e assistenza nella presentazione delle domande di ammissione al patrocinio, aperto alla cittadinanza, è svolto nei giorni di
 
lunedì e mercoledì, dalle ore 09.30 alle ore 11.30
 
presso la sede del Consiglio dell'Ordine, Palazzo di Giustizia, III piano, stanza n. 344 a cura degli avvocati inseriti nell'Elenco.

 foglio informativo  sul Patrocinio a Spese dello Stato


=> Vai alla sezione formulari: compilazione online dell'istanza di patrocinio a spese dello stato

=> autodichiarazione reddito
 
=>  Indicazioni dell'Ambasciatore in Italia della Repubblica del Senegal per i Legali di Cittadini Senegalesi: qui


Elenco degli avvocati abilitati

Ai sensi dell’art. 81 del T.U. il Consiglio dell’Ordine è competente per la tenuta dell’elenco degli avvocati abilitati al patrocinio a spese dello Stato (richiesta di inserimento dell’avvocato e valutazione da parte del Consiglio dell’ordine delle attitudini ed esperienza professionale specifica e assenza di sanzioni disciplinari nonché iscrizione all’albo da almeno due anni).



Normativa di riferimento

Informazioni  per cause transfrontaliere: http://ec.europa.eu/civiljustice/legal_aid/legal_aid_ec_it.htm

 
Sportello
informazioni
e reclami

Parcella dell'Avvocato

Patrocinio a
spese dello Stato

Difensore d'Ufficio

Mediazione

Organismo della Crisi da Sovraindebitamento